Rovato 5 stelle

13 settembre 2014

Domenica 14 dicembre parlamentari in piazza a Iseo

evento-iseoI gruppi di attivisti del movimento 5 stelle presenti in Franciacorta, organizzano domenica 14 settembre a Iseo (Bs) in Corso Zanardelli un gazebo informativo dalle ore 9.00 alle 18.00.

Saranno presenti al gazebo i seguenti portavoce:

12 settembre 2014

Ocean Clean Up: più di 37.000 sottoscrittori raccolgono 2.000.000 di dollari on line.

Il sogno di Boyan Slat, dicianovenne Olandese diventa realtà.

Ne abbiamo parlato qualche mese fa e ora con gran soddisfazione l’autore del progetto annuncia che grazie a più di 37.000 sottoscrittori on line il progetto Ocean Cleanup prende vita superando quota 2.000.000 di dollari di fondi raccolti.

ocean-clean-up

 

11 settembre 2014

Rifiuti pericolosi e acqua super critica: il video integrale della serata

acqua-supercritica-rovatoSettimana scorsa si è svolta a Rovato una serata all’insegna dell’informazione. L’evoluzione del trattamento dei rifiuti pericolosi, che ad oggi è poco conosciuta.

Un sistema che permette di recuperare energia senza incenerire.

RELATORI:

  • Roberto Fiorendi, esperto “Progetto Rifiuti Zero”
  • Gianluca Cuc, chimico esperto di inquinamento ambientale.

Quanto ci prendono in giro i mezzi d’informazione?

Per scoprirlo occorre guardare il video integrale. Buona visione.

Ecco il video integrale della serata

6 settembre 2014

1.000.000 di euro di danno erariale per Bossi jr. e Rizzi

Filed under: Good News,Politica,Proposte tematiche,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 07:00
Tags: , ,

renzobossiLa Procura della Corte dei Conti della Regione Lombardia ha contestato un danno erariale di oltre 100 mila euro a vari consiglieri regionali del gruppo consiliare Lega Nord ovvero a Renzo Bossi, Jari Colla, Giosuè Frosio e alla bresciana Monica Rizzi, con riguardo ai cosiddetti ‘rimborsi facili’ delle spese «da considerarsi del tutto estranee al mandato consiliare e spesso palesemente attinenti a interessi personali del singolo consigliere».

Le indagini dirette dal procuratore regionale Antonio Caruso e dai sostituti Luigi D’Angelo e Alessandro Napoli ed effettuate dalla Guardia di Finanza di Milano, seguono le precedenti contestazioni «per oltre un milione di euro riferite agli stessi illeciti contabili commessi nell’arco delle consiliature degli anni 2008-2012 e si è sviluppata in parallelo con i procedimenti penali pendenti presso il Tribunale di Milano», si legge nella nota della Procura regionale della Corte dei conti.
Tra i destinatari delle imputazioni di responsabilità per danno erariale vi sono, oltre ai singoli consiglieri regionali beneficiari dei rimborsi indebiti, anche i presidenti dei gruppi consiliari, cui è affidato il compito e la responsabilità circa la gestione dei fondi pubblici attribuiti ai gruppi.

Fonte

3 settembre 2014

Rifiuti zero a Rovato: acqua super critica

Filed under: Franciacorta,Good News,Manifestazioni,Politica,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 20:34
Tags: ,

rifiuti_zeroGiovedi 4 Settembre alle ore 20:30 è prevista a Rovato presso il Foro Boario in via Garibaldi, 1 è stata organizzata una serata all’insegna dell’informazione.

L’evoluzione del trattamento dei rifiuti pericolosi, che ad oggi è poco conosciuta.

Un sistema che permette di recuperare energia senza incenerire.

RELATORI:

  • Roberto Fiorendi, esperto “Progetto Rifiuti Zero”
  • Gianluca Cuc, chimico esperto di inquinamento ambientale.

Per informazioni: http://goo.gl/wpyQQf | Evento Facebook

25 agosto 2014

L’erba che uccide il 98% delle cellule tumorali ai polmoni

Sul blog Healthy Food House (200.000 follower on line) è uscito un interessante articolo su un’erba chiamata “Sweet wormwood” or “Artemisia Annua” in inglese usata in Cina come medicina che può curare il 98% delle cellule tumorali ai polmoni in meno di 16 ore.

Notizia invisibile sui media Italiani nonostante sia pubblicata ormai a Gennaio.

Leggi l’articolo completo

17 luglio 2014

Progetti nati dalla rete: Ocean Cleanup

Filed under: Ambiente,Good News,Proposte tematiche,Societa — rovato5stelle @ 07:00
Tags: ,

ocean_cleanup_02Ripulire i mari da tutta la plastica, è questo l’obiettivo di Boyan Slat, un giovane ingegnere olandese che sta raccogliendo fondi per riuscire nell’impresa:

Ha raccolto oltre un milione di dollari in 40 giorni e viaggia spedito verso l’obiettivo prefissato: due milioni di dollari in 100 giorni. L’artefice dell’impresa si chiama Boyan Slat, un diciannovenne olandese che studia ingegneria aerospaziale e con un grande amore per il mare. La sua “missione” è riuscire a ripulire gli oceani dalle tonnellate di plastica che li soffocano, tramite la sua invenzione che come uno `spazzino dei mari´ convoglia i rifiuti sfruttando le correnti, plastica in primis“.

E così è partita “la campagna di raccolta fondi per testare la tecnologia su vasta scala e avviare nel giro di tre/quattro anni il primo progetto pilota, che intende ”attaccare” la Great Pacific Garbage Patch, la mega-area di immondizia nel Pacifico fra le Hawaii e la California“.

L’invenzione, spiega La Stampa, è stata presentata nel 2012 quando Boyan aveva 17 anni, ed “è stata testata nelle Azzorre e supportata da un recente studio di fattibilità a cui ha lavorato una squadra di esperti internazionali in ingegneria, oceanografia, ecologia, diritto marittimo, finanza e riciclo dei rifiuti. Il risultato è promettente: l’idea pare sia fattibile e potrebbe rimuovere in dieci anni quasi la metà della plastica dalla gigantesca Great Pacific Garbage Patch, oltre ad essere 33 volte meno costosa dei metodi convenzionali di pulizia“.

Ed ecco come funziona l’invenzione di Boyan: “Il crowdfunding sembra premiare le idee ambiziose e quella di Boyan Slat non fa eccezione. Il suo “spazzino dei mari” si chiama Tocfunziona impiegando delle barriere galleggianti, simili a quelle usate per arginare le perdite di petrolio, che catturano i rifiuti in acqua senza arare i fondali e disturbare i pesci. L’immondizia viene convogliata in un impianto, che tritura i rifiuti prima che vengano recuperati in un container“.

Se riuscisse nel suo intento Boyan otterrebbe un grande successo in termini ambientali, tuttavia “il sistema non può catturare micro-plastiche, le più dannose per gli animali e tutta la catena alimentare, perché troppo piccole“. Ma, lo “spazzino del mare” può pur sempre catturare “la grande massa di macro-plastica da cui queste hanno origine sì. Quindi «Toc potrebbe prevenire un aumento di venti volte della diffusione delle microplastiche» ha twittato Boyan pochi giorni fa“.

E chi vuole può contribuire a ripulire i mari:La raccolta fondi dell’impresa, che si può seguire in diretta sul sito web www.theoceancleanup.com, è semplice e per tutte le tasche: sia va da un contributo di quattro euro e mezzo per raccogliere fino a un chilo di plastica, passando a 23 euro per cinque chili, fino a 550 euro per 120 chili. Con una maxi-donazione di 7.400 euro poi si arrivano a catturare 1.700 chili di plastica e stacca il `biglietto´ per una spedizione alla volta di una delle maxi-isole di immondizia della `Great Pacific Garbage Patch´. Già 22mila persone hanno creduto nel sogno di Boyan: per loro e per tutti quelli pronti a dare il loro sostegno, la speranza è che si trasformi in realtà“.

12 luglio 2014

Il comune di Monaco risparmia milioni di euro passando a Linux

linux_logoMonaco è la terza città tedesca per numero di abitanti: 1.500.000. 16.000 impiegati al governo locale usavano tecnologia Windows per i loro lavori quotidiani. PC situati in posti diversi con necessità diverse. Nel 2001, c’erano 22 unità organizzative con la proprio team informatico. Un intreccio di diverse versioni software, patch, direttori condivise e permessi utente.

In vista della fine del supporto a Windows XP hanno progettato un enorme cambio di software collettivo. Le linee guida utilizzate sono state: grande numero di applicazioni, interoperabilità tra i diversi sistemi, aggiornamenti costanti, costo di gestione basso, libertà nell’accesso e nell’uso.

Il progetto “LiMux” è stato ovviamente contrastato il più possibile. Il CEO di Microsoft Steve Ballmer è volato direttamente a Monaco per incontrare il sindaco in persona.

Alla fine del 2012, il progetto LiMux ha raggiunto l’obiettivo principale: migrare 12,000 pc a Linux.

Il cambio ha fatto risparmiare alla città più di 10.000.000 di euro. 

Ad Agosto 2013, il costo dell’intero progetto ha raggiunto 23.000.000 comparati con la stima di 34.000.000 solo per aggiornare i sistemi a Windows 7 e alle nuove versioni di Microsoft Office.

tratto da Ubuntu Blog

 

10 luglio 2014

LEX: diminuzione del divario digitale. La gestione dei nodi di interconnessione internet

struttura di reteSi discute da molti anni nel nostro paese della questione del divario digitale, e dell’accesso alla banda larga, ma ad oggi il dato di fatto è che l’Italia resta davvero molto indietro in Europa, come dimostrano questi dati forniti da Eurostat

Con questo disegno di legge vogliamo ottenere tre cose essenziali:

  1. la prima è migliorare la qualità del collegamento ad internet per equipararlo finalmente a quello dei Paesi del mondo più avanzati;
  2. la seconda è far in modo che a goderne siano tutti i cittadini italiani in ogni regione ed in eguale misura;
  3. la terza è quella di affidare al servizio pubblico sia la gestione (alle Regioni) che la pianificazione (Ministero dello Sviluppo)

Gli obiettivi dei punti 1 e 2, si possono ottenere installando i punti di interscambio IXP in tutte le regioni in cui ancora non sono presenti. Un Internet Exchange Point (IXP), è un’infrastruttura fisica che permette a diversi fornitori di accesso (Internet Service Provider o ISP) di scambiare traffico Internet fra loro, interconnettendo le proprie infrastrutture attraverso accordi reciproci.
Lo scopo principale di un IXP è infatti quello di permettere alle reti degli ISP di interconnettersi fra di loro direttamente, attraverso il punto di interscambio, piuttosto che far passare il traffico attraverso uno o più provider esterni.

I vantaggi sono i seguenti:

  • Efficienza – la connessione diretta fra due reti, senza passaggi intermedi, minimizza il tempo necessario al traffico dati;
  • Affidabilità – la diversificazione delle connessioni che un operatore ha verso il resto degli ISP gli permette di evitare un “oscuramento” qualora un collegamento dovesse venire meno, aumentando così la ridondanza dell’infrastruttura di rete.

Hai qualche suggerimento/obiezione/critica/suggerimento? Iscriviti o Partecipa alla discussione

di Vilma Moronese | Guarda il video di presentazione

7 luglio 2014

Abolizione equitalia: oggi discussione alla camera

equitalia“Era uno dei nostri 20 punti: l’abolizione di Equitalia. Abbiamo presentato la nostra proposta di legge ad Aprile, insieme a Beppe che è venuto a trovarci alla Camera. Adesso arriva la prima bella notizia: la proposta di legge del Movimento 5 Stelle che prevede l’abolizione di Equitalia, con il trasferimento delle sue funzioni all’Agenzia delle Entrate, sarà finalmente discussa in aula il 7 Luglio.

I nostri capigruppo si sono battuti fino in fondo e ce l’hanno fatta. I partiti dovranno ora metterci la faccia: emenderanno la legge per portarla in aula svuotata di senso, oppure dimostreranno di avere a cuore le sorti dei cittadini oppressi dalla crisi? La battaglia non è finita, ed è nelle mani del Parlamento.
Se volete aiutarci a sensibilizzare i partiti, mandate una mail a causi_m@camera.it chiedendo con forza di abolire Equitalia. Marco Causi è il capogruppo PD in Commissione Finanze: sarà lui a decidere se il suo partito potrà “scongelarsi” e, per una volta, cambiareverso.” 

M5S Camera

Pagina successiva »

The Rubric Theme. Blog su WordPress.com.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 53 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: