Rovato 5 stelle

19 aprile 2014

OGM: il tuo comune può dire di no

Archiviato in: Agricoltura,Ambiente,Good News,Proposte tematiche,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 07:00
Tags:

ogmC’è uno spettro che s’aggira per l’Europa. Lo spettro della pannocchia geneticamente modificata. Da mercoledì 9 in poi, potrebbe crescere indisturbata nei nostri campi. Indisturbata e legalmente.

Sì, perché mercoledì 9 aprile il Tar Lazio deciderà sul ricorso di un agricoltore friulano che, impugnando un decreto governativo, vuole coltivare il mais 810 Monsanto nel proprio terreno.
Se il Tar dovesse dar ragione al coltivatore, allora fin da subito i semi Ogm potrebbero essere piantati sui nostri campi. E guarda caso siamo proprio in periodo di semina.

Ma anche se ciò dovesse accadere, noi tutti abbiamo un’arma per opporci:coinvolgere i Comuni che hanno la facoltà di proibire gli OGM sul proprio territorio (ricordate i “Comuni denuclearizzati”?), senza che nessuno possa impedirglielo.

Abbiamo quindi un compito molto importante: pressare tutti i nostri Comuni, dal più grande al più piccolo, per ratificare questo provvedimento. Come in un grande puzzle, ogni territorio può fare la sua parte per rendere l’Italia OGM free!

Per farlo nasce oggi la campagna ItaliaOgmFree, con un portale dedicatowww.italiaogmfree.org, dove ogni cittadino può scaricare materiale informativo, il modello di mozione comunale da sottoporre agli amministratori, la petizione da far firmare, e poi loghi, banner per invadere la Rete con la nostra voce.

E se il Tar dovesse bocciare il ricorso del coltivatore? La battaglia deve comunque continuare: il nostro obiettivo infatti è rendere l’Italia libera dagli Ogm per sempre e c’è un unico modo per assicurarci che nessun coltivatore possa mai impugnare e vincere: rendere liberi i nostri territori dagli Ogm, metro dopo metro.

 

14 aprile 2014

Lombardia tour 2014 – portavoce in piazza in tutta la Lombardia

Archiviato in: Good News,Informazione,Manifestazioni,Politica,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 16:14
Tags:

lombardia-tour27 portavoce, oltre 80 tappe solo in Lombardia, un mese e mezzo di eventi, 12 mesi da raccontare, una battaglia da vincere “in Europa per l’Italia”.

Dal 12 Aprile al 21 Maggio 2014 i nostri Portavoce saranno in tour in tutta la Lombardia per parlare con i cittadini del sogno europeo del MoVimento 5 Stelle.

Scopri dall’elenco qui sotto qual è la tappa più vicina a te, chiama parenti scettici e amici astensionisti e portali in piazza con noi!

Elenco completo tappe Lombardia

10 aprile 2014

Porta il M5S nel tuo iphone/ipad. Installa l’app!

m5s_ipad_iphoneFinalmente è arrivata: l’attesissima app “Parlamento 5 Stelle” per iOS, sia per iPhone che iPad.
Potete scaricarla da qui via iTunes

E per chi ha Android, l’app relativa è scaricabile da qui

Diffondetela a tutti i vostri amici! L’informazione è conoscenza!

    

3 aprile 2014

Abolizione del reato di clandestinità

televisione_cervelloIl provvedimento Svuota Carceri prevedeva una serie di depenalizzazioni indistinte e a pioggia anche per reati contro la pubblica amministrazione, per esempio peculato e abuso d’ufficio (alcuni 5 stelle sostengono che ci fossero anche reati legati alla pedofilia, ma mi pare folle).

Per questo M5S ha votato no.

Ma ci sono altri due motivi che ho appena scoperto e vi segnalo, perché li trovo meravigliosi.

  1. Il provvedimento Svuota Carceri è una legge delega. Delega a chi? Al governo, ovvio. Di nuovo il parlamento rinuncia al suo ruolo e demanda al governo. Che significa? Significa che ora il governo ha 8 mesi di tempo per depenalizzare (non abolire: depenalizzare) tutti questi reati. Quindi, al momento, non è stato abolito né depenalizzato nulla. Se per esempio il governo cade tra tre mesi, e il governo non ha fatto niente, la Svuota Carceri non è servita a niente. E il reato infame di clandestinità resta.
  2. Non solo non è vero che M5S ha votato contro l’abolizione del reato di clandestinità: è vero il contrario. C’è stato un emendamento isolato di Sel che proponeva l’abolizione effettiva (e non la semplice depenalizzazione a illecito amministrativo) del reato di clandestinità. Sapete chi ha votato a favore di quell’emendamento isolato oltre a Sel? Il Movimento 5 Stelle. Solo i “fascisti” del M5S. Tutti gli altri hanno votato contro, anche il Pd che ora si vanta di avere abolito un reato (infame) che in realtà ha mantenuto. Impegnandosi vagamente a trasformarlo – forse un giorno – in illecito amministrativo.

Per quanto ancora proveranno a prenderci per il culo?

Andrea Scanzi

26 marzo 2014

Elezioni europee 2014: regole per candidarsi e votare

Archiviato in: Good News,Proposte tematiche — rovato5stelle @ 17:10
Tags: ,

parlamento-italianoEcco le regole per candidarsi e votare per le liste del MoVimento 5 Stelle alle europee 2014

Candidati: Tutti coloro iscritti al MoVimento 5 Stelle entro data 31-12-12 e con documento certificato entro il 20 marzo 2014, non diffidati, non svolgenti carica elettiva e non facenti parte di una lista partecipante alle elezioni amministrative 2014 certificata o in via di certificazione. Devono avere 25 anni o più al 25 maggio 2014. Gli italiani residenti all’estero si potranno candidare e votare nella regione e circoscrizione dell’ultima città di residenza in Italia che avranno dovuto indicare nella loro pagina profilo sul MoVimento 5 Stelle. Gli iscritti al M5S candidabili riceveranno una email direttamente alla loro casella di posta elettronica dove verrà richiesto la propria disponibilità a candidarsi.

Votanti: Tutti coloro iscritti al MoVimento 5 Stelle entro data 30-06-13 e con documento certificato entro il 20 marzo 2014 non diffidati

Formazione delle liste:

Primo turno: 

Si vota con 3 preferenze solo per i candidati nella propria regione.
Il candidato più votato della regione entrerà di diritto nelle liste finali.
Gli altri candidati nella circoscrizione (utilizzata per il voto alle europee) andranno a un secondo turno nella misura di 30 per la circoscrizione Nord Ovest (Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, Piemonte), 18 per la circoscrizione Nord Est (Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige, Veneto), 20 per la circoscrizione Centro (Lazio, Marche, Toscana, Umbria), 24 per la circoscrizione Meridionale (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia), 12 per la circoscrizione Insulare (Sardegna, Sicilia). I candidati per il secondo turno saranno scelti in base al numero totale di preferenze raccolte nel primo turno e votati al secondo turno su base circoscrizionale europea.

Secondo turno:

Si vota con 3 preferenze per i candidati nella propria circoscrizione europea che hanno superato il primo turno. Saranno candidati alle elezioni europee i più votati fino a riempimento delle liste della circoscrizione dedotti i più votati nelle singole regioni al primo turno. I nomi saranno inseriti in lista in ordine alfabetico.

Tratto da M5S

23 marzo 2014

Una piccola donazione per sostenere la campagna del M5S in Piemonte

davide_bono“Martedì sera c’è stata la riunione dei 40 candidati consiglieri regionali che sono stati scelti dagli iscritti alla piattaforma tra i quasi 100 candidati. La riunione ha espresso a larghissima maggioranza la mia persona come candidato Presidente. Sono molto felice e onorato di questa scelta. Coscienti che sono cambiati i tempi ed anche la posizione del MoVimento 5 Stelle rispetto al 2010, l’M5S si candida per vincere le elezioni ed amministrare la Regione Piemonte. Siamo gli unici che hanno fatto una consultazione online e possiamo vantarci di essere l’unica forza che si presenta con una rappresentanza scelta democraticamente almeno dai suoi elettori. Partirà venerdì da Tortona un tour che toccherà quasi tutte le città del Piemonte sopra i 10.000 abitanti. Cercheremo di essere un po’ dappertutto insieme ai nostri 11 parlamentari eletti a Roma, con i candidati alle regionali, i candidati alle europee e i candidati sindaci laddove ci sono le elezioni comunali. Abbiamo bisogno di trasparenza, abbiamo bisogno di partecipazione, di onestà e questo lo abbiamo dimostrato in questi anni cosa che invece centro destra e centro sinistra non hanno fatto. Abbiamo bisogno veramente del vostro supporto, del vostro aiuto. Inizia da oggi il passaparola per cercare di portare al massimo risultato il Movimento 5 stelle in Regione Piemonte. Ci servono anche delle donazioni. Il nostro obiettivo è raccogliere 70.000 euro.” Davide Bono

Dona tramite Paypal

Dona tramite bonifico l’Iban è: IT 24 H 0501801 00000 00001 53053 - Intestato a: Comitato Movimento 5 Stelle – Piemonte – Causale: Donazione” Davide Bono, Candidato per il M5S alla presidenza della Regione Piemonte

19 marzo 2014

Movimento 5 Stelle a Brescia

m5s_bresciaDomenica 16 Marzo a Brescia si è svolto il parlamento tour.

Per chi non ha potuto partecipare abbiamo raccolto un insieme di video di alcuni degli interventi fatti a Brescia.

Guarda i video:

 

8 marzo 2014

16 Marzo 2014: Parlamento M5S nelle piazze di Brescia

Parlamento_pulitoDomenica 16 Marzo 2014 PARLAMENTO IN MOVIMENTO fa tappa a Brescia.

I portavoce al Senato e alla Camera del Movimento 5 Stelle arrivano in terra bresciana per incontrare i cittadini ad un anno dal loro insediamento in parlamento. Un’occasione imperdibile per conoscerli di persona, chiedere loro conto del lavoro svolto, avanzare proposte e critiche, condividere idee, indicare nuovi obiettivi.

IL PROGRAMMA:

Dalle ore 11:00 – AGORÀ PROVINCIALI: I parlamentari M5S di divideranno fra i banchetti e i gazebo allestiti in contemporanea in diversi comuni della provincia di Brescia. I cittadini potranno incontrarli, porre loro domande, condividere proposte, ascoltare la loro esperienza in questo primo anno di parlamento. Le piazze:

Alle ore 15:00 – PARLAMENTO IN MOVIMENTO E “NON CI FERMATE TOUR”. Tutti i parlamentari che saranno intervenuti nelle piazze della provincia si ritroveranno insieme presso l’Auditorium Balestrieri (adiacente al Liceo Scientifico “Leonardo”), in via Balestrieri n. 6, a Brescia, per un incontro aperto al pubblico. Per l’occasione farà tappa a Brescia anche il “Noncifermate tour”, con gli interventi dei portavoce della Camera sospesi per aver protestato contro la ghigliottina della preside Laura Boldrini.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.  QUALI parlamentari in QUALI piazze?

Dalle piazze della provincia all’auditorium in città, questi sono i portavoce con l’elmetto che incontreremo:

 CAMERA DEI DEPUTATI: Ferdinando Alberti, Massimo Artini, Tatiana Basilio, Sergio Battelli, Francesca Businarolo, Paola Carinelli, Silvia Chimienti, Claudio Cominardi, Emanuela Corda, Francesco D’Uva, Alessandro Di Battista, Chiara Di Benedetto, Luigi Di Maio, Manlio Di Stefano, Giulia Di Vita, Roberto Fico, Riccardo Fraccaro, Giulia Grillo, Riccardo Nuti, Daniele Pesco, Carla Ruocco, Giulia Sarti, Carlo Sibilia, Girgis Giorgio Sorial, Danilo Toninelli, Davide Tripiedi.

SENATO DELLA REPUBBLICA: Laura Bignami, Laura Bottici, Elisa Bulgarelli, Vito Crimi, Serenella Fucksia, Barbara Lezzi, Giovanna Mangili, Bruno Marton, Nicola Morra, Sara Paglini, Vito Petrocelli, Vincenzo Santangelo, Manuela Serra.

Ps: NON VI DIREMO quali parlamentari troverete in una piazza piuttosto che un’altra. Scopritelo da soli. Andate in piazza senza porvi il problema di chi troverete, o non troverete. I loro nomi non sono importanti. L’esperienza che ognuno ha maturato, la testimonianza che ognuno può offrire, quella è importante. È importante ciò che i loro occhi hanno visto, mentre tv, giornali e radio lo nascondevano. È importante ciò che hanno tentato di costruire, e di contrastare. È importante l’ampio elenco di proposte maturate, di idee condivise, di porcate rispedite al mittente.

Il parlamento come non l’avete visto mai. Il parlamento in piazza!

Come puoi aiutarci? Partecipa e condividi l’evento su Facebook.

7 marzo 2014

Il M5S fa approvare la prima legge sui reati ambientali in Italia

Archiviato in: Ambiente,Good News,Politica,Proposte tematiche,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 07:00
Tags:

brebemi_scorie“Salvatore è un cittadino, e vive in una delle terre più disgraziate del Paese: quella Terra dei Fuochi tristemente famosa per i disastri ambientali, per gli sversamenti tossici raccontati dal pentito Carmine Schiavone che il MoVimento 5 Stelle ha contribuito a portare alla luce. Salvatore Micillo è in Parlamento: portavoce alla Camera con il M5S. Non si è neppure accorto di avere una “poltrona“, ha continuato a combattere a testa bassa per mesi per quello in cui ha sempre creduto. Mercoledì, alla Camera, è stata approvata una legge a sua firma, con il contributo e il voto delle altre forze politiche con le quali il M5S ha dialogato, collaborato, si è impegnato. Dopo vent’anni di battaglie, l’Italia ha finalmente una legge contro i reati ambientali. Non è perfetta, lo sappiamo, ma è un passo avanti che resterà nella Storia. Vogliamo dire grazie a Salvatore e a tutti gli altri che da vent’anni combattono senza paura nella Terra dei Fuochi. Avete vinto per tutti.”

M5S Camera

6 marzo 2014

Codice identificativo per le forze dell’ordine

polizia_manifestanteDopo i 60 giorni di permanenza sul LEX della proposta di legge volta ad introdurre il codice identificativo per le forze dell’ordine in attività di ordine pubblico, abbiamo depositato il testo.

Abbiamo raccolto quasi 1.400 interventi, la stragrande maggioranza positivi e, cosa che ci ha fatto estremamente piacere, numerosi da appartenenti delle forze dell’ordine.

Dai vostri interventi abbiamo preso spunto per modificare in parte l’articolato, introducendo espressamente il divieto di alterare il codice identificativo e relative sanzioni. Se questo Disegno di Legge sarà approvato, finalmente l’Italia sarà allineata alle normative del resto del mondo, dove già da anni sono previsti gli identificativi a tutela delle operazioni di ordine pubblico. Non abbiamo che da augurarci un veloce iter parlamentare! #Vinciamonoi!”

Marco Scibona, Portavoce m5S al Senato

Pagina successiva »

The Rubric Theme Blog su WordPress.com.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 50 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: