Rovato 5 stelle

20 marzo 2014

Il lobbista TAP in parlamento

Archiviato in: Economia,Energia,Rovato 5 stelle,Trasparenza — rovato5stelle @ 07:00
Tags: , , ,

tap-manager-pdMentre alla Camera impazzava la discussione sulla legge elettorale, il superporcellumqualcuno si aggirava per i corridoi del “palazzo” scortato dai deputati Pd.

Eccolo immortalato mentre impegnato in chissà quali discussioni, Giampaolo Russo, ovvero “mr. Tap”, il rappresentante legale della società che costruirà il gasdotto che approderà in Puglia per portare gas dall’Azerbaijan, stato in cui da anni vige una dittatura spietata.

Ma cosa sarà mai venuto a fare a Montecitorio, mr. Tap?

Quali sono i motivi, secondo voi, per cui i lobbisti in questo Paese continuano a occupare le istituzioni con il beneplacito dei parlamentari della casta?

Tratto da M5S Parlamento

11 marzo 2014

Sorgenia: vogliamo lo stop all’aiutino di Stato per De Benedetti

debenedetti_sorgeniaIl MoVimento 5 Stelle mette il dito nella piaga del conflitto di interessi tra politica e affari che infesta il settore dell’energia e che blocca un reale sviluppo delle rinnovabili. I protagonisti? Sorgenia, azienda indebitata di Carlo De Benedetti che è anche la tessera numero 1 del Pd renziano che a sua volta guida il governo. E il cerchio si chiude.

Si sente puzza di aiuti di Stato al colosso con i piedi d’argilla dell’Ingegnere, un player che punta ancora sulle fonti fossili e che, a causa della crisi di domanda di energia, ha un buco da 1,9 miliardi. Le banche hanno il fiato sul collo di Sorgenia, il socio austriaco Verbund non vuole metterci soldi e nemmeno De Benedetti vuole ricapitalizzare, in linea con la migliore tradizione del nostro capitalismo straccione.

Meglio allora attaccarsi alla solita gonna stracciata dello Stato grazie all’anacronistico incentivo pubblico che risponde al nome di ‘capacity payment‘. Un “aiutino” per la cosiddetta capacità di riserva (ti remunero per tenere le centrali quasi sempre spente) che risale a una norma del 2003 e che ora il patron di Repubblica vorrebbe veder lievitare, secondo indiscrezioni, da 150 a 600 milioni di euro.

In aula, con un’interrogazione al governo, M5S ha fatto notare che il “tendenziale calo dei consumi, a partire dal 2008, probabilmente ha una natura strutturale” e che deriva anche da una auspicata efficienza energetica.

Sorgenia, però, ha puntato sulla tecnologia del ciclo combinato a gas e, foraggiata generosamente dalle banche, sulle centrali a turbogas. Quindi ha creduto ancora nelle fonti fossili: una scelta di cui oggi paga le conseguenze in termini di fatturato e di bilancio.
”Peccato che in soli cinque anni il mercato energetico, anche a causa della crisi economica, si sia drasticamente trasformato con il boom delle rinnovabili – ha fatto notare il M5S in aula – Risultato? Il parco centrali di De Benedetti si è trovato fuori mercato“.

(more…)

21 febbraio 2014

Fotovoltaico e rendita catastale

Archiviato in: Energia,Informazione,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 07:00
Tags: , ,

Non tutti sanno che l’impianto fotovoltaico sul tetto di casa, se ha una potenza superiore a 3 kiloWatt, potrebbe far aumentare la rendita catastale, e quindi l’Imu, la Tasi e le altre imposte che hanno come base il valore catastale (ad esempio, il registro in caso di compravendita). Installati per abbattere i costi in bolletta e per incassare gli incentivi pubblici sull’energia prodotta – secondo la tesi del Fisco – i moduli fotovoltaici vanno considerati come una “appendice” dell’abitazione che aumenta il suo valore.

A chiarirlo è una circolare dell’agenzia delle Entrate (n. 36/E del 19 dicembre 2013) che ha esentato dall’obbligo gli impianti “minori” e definito nel dettaglio le circostanze in cui i pannelli vanno registrati al Catasto.

Gli edifici a rischio:

(more…)

15 febbraio 2014

La più grande centrale elettrica solare del mondo

energia_solare_california

Immagini impressionanti arrivano dalla California dove è stata attivata la più grande centrale elettrica fotovoltaica del mondo.

392 megawatts di energia, paragonabile a 140.000 abitazioni (media città Italiana), o come il traffico di 72.000 auto è stata attivita da pochi giorni nel Ivanpah Solar Electric Generating System in California, nel deserto ai confini tra California e Nevada.

Guarda tutte le fotografie sul sito themindunleashed.org

14 febbraio 2014

Come la lobby dell’energia vuole ingannare famiglie e imprese

Archiviato in: Energia,Good News,Informazione,Proposte tematiche,Rovato 5 stelle,Societa — rovato5stelle @ 07:00
Tags:

lobbyDestinazione Italia, la maggioranza di Governo di nuovo all’assalto per favorire le grandi lobby dell’energia a scapito dei consumatori e delle piccole imprese. La denuncia arriva dai portavoce di Camera e Senato del Movimento 5 Stele inCommissione Attività produttive.

Il grimaldello è il solito emendamento dettato dai grandi gruppi elettrici che comprime il raggio d’azione di Acquirente Unico, la società del gruppo Gse che fornisce energia a famiglie e piccole imprese del ‘mercato tutelato’.

In questo modo si gonfierà la quota di mercato degli operatori in cerca di extraprofitti.

Inoltre, si punterà a depotenziare il Sistema informativo integrato (Sii) per la gestione dei flussi informativi sui mercati dell’elettricità e del gas, strumento chiave per favorire la concorrenza e la trasparenza del mercato.

Quali gli effetti? Il blitz delle lobby darebbe la possibilità ai gruppi elettrici privati di prendere il controllo della Borsa elettrica italiana (Gme) con l’obiettivo, privatizzandola, di gestirla a proprio vantaggio sia dal punto di vista economico che dal punto di vista dello sviluppo di strategie a danno delle piccole aziende.

L’interesse dei grandi gruppi energetici, infatti, è quello di modificare le regole attuali in modo da tagliare fuori le fonti d’energia rinnovabili che da tempo hanno abbassato il costo dell’energia e allo scopo di rimettere in gioco le loro centrali ferme e obsolete, con ricadute pesanti sui prezzi dell’energia.

Tutto questo è inaccettabile. Mentre in Italia si discute solo di legge elettorale, usata come arma di distrazione di massa, un sottobosco di interessi economici stritoli pian piano il settore pubblico e gli interessi delle famiglie italiane.

Tratto da M5S Senato

8 febbraio 2014

La bidonata delle centrali a biomassa

centrale_biomassaE’ un mondo difficile. Ti dicono di aver trovato una soluzione a un qualche problema e poi scopri che in realtà ti avevano venduto fumo. E proprio di fumo si tratta in questo articolo. In particolare in quello che, a quanto pare, si sta rivelando un formidabile imbroglio: le centrali a biomasse. Leggete cosa scriveva Loris Mazzetti su ‘il Fatto’ del 23 ottobre del 2013.

Dopo aver accennato agli aspetti positivi delle centrali a biomasse spiega: “Qui però finisce la favola, perché con il trascorrere del tempo il costo dell’energia invece di diminuire è aumentato a causa del reperimento del legno per alimentare la centrale: le segherie locali portano lo scarto a 400 km di distanza perché è più remunerativo. Negli ultimi anni in Italia le centrali sono sorte come funghi perché, oltre a produrre energia alternativa, crea business non alla comunità ma alla proprietà, grazie agli incentivi e a un uso speculativo del prodotto che le alimenta.

(more…)

24 gennaio 2014

Cancro e inceneritori: la censura del quotidiano “La Repubblica”

Patrizia_GentiliniLettera aperta (e finora non pubblicata dal primo destinatario) a firma di 50 MEDICI E BIOLOGI ITALIANI

20 Marzo 2009 – La lettera che segue è stata inviata più di 10 giorni fa a “Repubblica”, ma nonostante le sollecitazioni non è stata pubblicata. I mittenti hanno deciso allora di inviarla a diversi giornali nella speranza di ottenere la visibilità richiesta.

La lettera è in difesa della dottoressa Patrizia Gentilini, letteralmente “aggredita” verbalmente dal presidente della Provincia di Firenze (oggi candidato sindaco) dopo che la Gentilini si era permessa di esprimere – da oncologa – il suo parere fortemente contrario agli inceneritori e termovalorizzatori (quelli che i medici di mezza Italia ormai chiamano più correttamente “cancrovalorizzatori”).

Gent.mo Direttore,

nell’edizione di Firenze di Repubblica del 25 febbraio scorso è riportato l’articolo sull’apertura della causa civile per diffamazione intentato dalla dr.ssa Patrizia Gentilini nei confronti del presidente della Provincia di Firenze e candidato a sindaco del capoluogo toscano, Matteo Renzi.

(more…)

13 gennaio 2014

Fukushima esploderà? Usa e Giappone preparano l’emergenza

fukushima_incidenteGoverni ordinano milioni di dosi di iodio per contrastare disastro nucleare. Se due barre d’uranio si toccano durante il trasferimento si rischia il disastro planetario.

Quattordici milioni di dosi di ioduro di potassio da consegnare entro, e non oltre, il primo febbraio. L’ordinazione è stata fatta alle case farmaceutiche dal ministero della Salute statunitense. Secondo quanto pubblicato dallo “Japan Times”, anche l’omologo ministero nipponico ha fatto una «grossa ordinazione di dosi». Secondo il “San José Mercury News”, «molti produttori già stanno accumulando iodio greggio e lo trattano come una forma di investimento, con la consapevolezza che il fenomeno di Fukushima può benissimo scoppiare nei prossimi mesi».

Lo iodio è l’unica sostanza in grado di limitare l’inquinamento da radiazioni. Va ingerito in caso di contaminazione. E le autorità giapponesi, come quelle statunitensi, sono convinte che la centrale nucleare di Fukushima stia per esplodere.

A breve, per di più. «In questo modo, ora ci si può preparare, nel più assoluto riserbo, per una futura fissione nucleare degli impianti di Fukushima», ha dichiarato l’ambientalista canadese David Suzuki.

(more…)

21 dicembre 2013

Fukushima, record radiazioni: uccidono in 20 minuti

fukushima_incidenteLa situazione in Giappone è inversamente proporzionale al modo in cui i media trattano l’argomento facendolo sparire da qualsiasi notizia.

La TEPCO ha rilevato livelli record di radiazioni su un condotto che collega gli edifici del reattore ad un tubo di ventilazione alto 120 metri situato all’esterno
I livelli delle radiazioni esterne hanno raggiunto il livello più alto presso la centrale nucleare giapponese di Fukushima, avverte la società che opera all’interno del sito. Le radiazioni rilevate nell’area vicina al tubo d’acciaio che collega i diversi edifici del reattore potrebbero uccidere una persona in 20 minuti, ha riferito una testata d’informazione locale.

Gli operatori all’interno dell’impianto e l’ente responsabile per la decontaminazione Tokio Electric Power Company (TEPCO) hanno rilevato lo scorso venerdì livelli record di radiazioni su un condotto che collega gli edifici del reattore ad un tubo di ventilazione alto 120 metri situato all’esterno. La TEPCO ha misurato le radiazioni in otto diversi siti intorno alla tubazione rilevando quelle più elevate in due postazioni con valori rispettivamente di 25 Sievert e 15 Sievert all’ora, secondo le dichiarazioni della società.

Secondo l’emittente locale NHK, questi valori sono i più alti mai registrati fuori dalle sedi dei reattori. La TEPCO in precedenza aveva fatto sapere che nella tubazione erano state rilevate delle radiazioni che raggiungevano come minimo un valore di 10 Sievert all’ora.

Il tubo di ventilazione usato per far fuoriuscire i gas radioattivi dopo il giorno del disastro può ancora contenere sostanze radioattive, ha aggiunto la TEPCO.

Il terremoto del Marzo 2011 ha scatenato uno tsunami che ha colpito le coste del Giappone, danneggiando l’impianto Daiichi di Fukushima e causando la fusione di tre reattori nucleari. A causa dei danni, i reattori hanno bruciato all’interno del basamento di calcestruzzo mentre l’acqua che veniva usata per raffreddarli si è infiltrata nel suolo contaminando le falde acquifere nei pressi dell’impianto nucleare. L’acqua radioattiva che era immagazzinata nel sito è defluita tutta nell’Oceano Pacifico.

(more…)

14 dicembre 2013

Lonato: inaugurata la seconda casa “passiva”

Archiviato in: Energia,Good News,Informazione,Lavoro,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 07:00
Tags: ,

casa_passiva_lonato

Si tratta di una casa altamente efficiente dal punto di vista energetico che, grazie a un’attenta progettazione, raggiunge un ottimo comfort abitativo senza alcun impianto di riscaldamento e raffrescamento; vive cioè con l’irraggiamento solare dosato nei periodi richiesti.

Fondamentale l’involucro: il tetto e le pareti sono così isolati e che basta quasi la sola presenza delle persone all’interno della casa per riscaldarla.

Inoltre, grazie all’applicazione di tutte le nuove tecnologie ,come ad esempio il fotovoltaico per tutti i consumi domestici (basta gas metano), i recuperatori di calore dall’acqua calda che viene eliminata attraverso le docce, il recupero delle acque piovane, si arriva ad una completa autonomia energetica che permetterà ai proprietari di risparmiare, secondo le stime fatte, circa 1.500 euro ogni anno sui consumi energetici domestici: da qui il nome di CASA PASSIVA.

La nuova realizzazione si trova a Lonato in via dei Colli, è stata elevata in soli due giorni (vedi filmati su youtube: casa passiva Energiacasa Lonato), ed è stata finita solo esternamente mentre è stata lasciata parzialmente in vista all’interno (pareti e impiantistica) per poter mostrare quali sono le metodologie di costruzione, i materiali e gli impianti necessari e i costi per queste case del futuro che dimostrano che è possibile costruire con un occhio di riguardo per l’ambiente.

Il Piano del Governo del territorio di Lonato del Garda, attraverso le proprie norme tecniche, sottolinea l’Assessore Simonetti, “dimostra grande attenzione alle tematiche del risparmio energetico, infatti nella costruzione di questa casa passiva, il costruttore ha potuto usufruire di incentivi sugli oneri di urbanizzazione”.

Nel prossimo mese di novembre, nei giorni 8-9-10 in occasione dell’Open Day Passivhaus sarà possibile visitare la costruzione e i tecnici presenti saranno a disposizione per spiegare il funzionamento dell’edificio e per soddisfare tutte le curiosità.

Tutti sono invitati a visitare il cantiere e verificare, di persona, i vantaggi del costruire e dell’abitare in modo ecosostenibile.

Pagina successiva »

The Rubric Theme. Blog su WordPress.com.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 50 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: