Rovato 5 stelle

22 settembre 2010

Cogeme, LGH e l’inceneritore di Parona

Filed under: Ambiente,Rifiuti,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 16:16
Tags: , , , , , ,

Nell’ultimo articolo del giornale n° 51 di “COGEME” si legge un interessante articolo chiamato “Dieci anni in Lomellina” in cui vengono mostrati numeri e cifre dell’inceneritore di Parona in provincia di Pavia, di proprietà di LGH.

Basandoci su questo articolo proviamo a fare qualche ragionamento e soprattutto qualche domanda alla nuova giunta di Rovato che nuova di zecca deve confrontarsi anche sulle tematiche relative al problema “aumento di tomori” correlati alla presenza di inceneritori.

Il sistema è sempre il solito. Bruciare i rifiuti e dal calore prodotto si genera vapore che alimenta una turbina collegata ad un alternatore che produce energia elettrica.

In questo impianto vengono smaltiti annualmente 200.000 tonnellate di RSU e 180.000 tonnellate di CDR.

Il Combustibile Derivato dai Rifiuti (CDR), è un combustibile solido triturato secco ottenuto dal trattamento dei rifiuti solidi urbani, raccolto generalmente in blocchi cilindrici denominati ecoballe.

Gli RSU sono i rifiuti, nel loro insieme, tutto quanto risulta di scarto o avanzo alle più svariate attività umane.

I punti critici dell’attività sono parecchi e vengono “appositamente” occultati nel bel articolo propagandistico di Cogeme:

  1. In questi anni è stato fatto uno studio sull’incidenza nei tumori nella zona ( cosa scientificamente già dimostrata )?
  2. L’inceneritore e la società LGH prende i scandalosi incentivi CIP6 per la produzione di energia rinnovabile?
  3. Il sistema di incenerimento come può risolvere il problema dei rifiuti se LGH dichiara che le ceneri prodotte sono di 30.000 tonnellate annue spedite direttamente in Germania?

Davvero pensiamo che bruciare tutto quello che c’è nel cassonetto ( visitatene uno per capire ) mettendo un filtro ci mette al riparo di tutte le sostanza tossiche contenute nei rifiuti?

Studi hanno scientificamente dimostrato il contrario. ( Studi dimostrano aumento del cancro – Inceneritore di Brescia e Rovato )

Perchè non si installano invece Centri di Riciclo che riescono a smaltire il 99% dei rifiuti senza combustione?

Il businness è troppo alto per i nostri amministratori per poter contrastare i re dei tomori?

Cosa c’è di male nel non volere prendere un tumore tra qualche anno? L’amministrazione di Rovato perchè non spinge per la conversione e la creazione di Centri di Riciclo anche nella nostra zona? Attendiamo risposta…

Condividi su Facebook

Annunci

2 commenti »

  1. Più che un commento servirebbe un libro per rispondere a queste domande. Per questo abbiamo messo su un sito, serve per spiegare casa vuol dire vivere a fianco dell’inceneritore di Parona Lomellina.

    Tutte le risposte le trovate qui:
    http://www.nuovastagione.eu

    Partite dalla Premessa alla sezione inceneritore e troverete tutte le risposte

    Commento di Soffritti Renato — 6 ottobre 2010 @ 19:37 | Rispondi

  2. Grazie di questo link!
    Se volete potete pubblicare uno o più articoli della situazione nell’area inceneritore nel nostro blog!
    Inviatelo/li a questo indirizzo email: rovato5stelle@gmail.com

    Commento di rovato5stelle — 11 ottobre 2010 @ 07:24 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: