Rovato 5 stelle

24 novembre 2013

TAV = tagli al trasporto pubblico, al mondo della formazione, all’edilizia scolastica, alla sanità, al welfare

Filed under: Informazione,Politica,Rovato 5 stelle,Societa,Trasparenza,Trasporti — rovato5stelle @ 07:00
Tags:

brebemi_cantiereL’Alta Velocità è ormai alle porte di Brescia e della sua provincia, e il gruppo No Tav del nostro territorio affila le armi. “Ormai ci siamo, il 2014 sarà l’anno dell’inaugurazione dei cantieri TAV anche nella città di Brescia”, si legge in una nota.

“I cantieri della tratta Treviglio – Brescia al momento sono fermi in via Roncadelle, dove sono stati realizzati gli espropri. Se il tracciato che la nuova linea ferroviaria seguirà in città, è ormai abbastanza chiaro, ancora poco si sa su quali saranno le modalità in cui verranno condotti i lavori. Quale sarà la futura condizione delle molte persone “murate” ed espropriate, in vera e propria balia di Italferr? Ancora più sfocata e incerta è, inoltre, la tratta Brescia – Verona”.

Nell’ultima legge di stabilità, spiega la nota, è contenuto un emendamento che prevede un finanziamento a pioggia di 1,6 miliardi di euro per rendere esecutivi i progetti preliminari fermi al 1993. “Il controverso progetto prevede il passaggio della linea ferroviaria al di sotto delle colline moreniche, con un tunnel che devasterebbe l’anfiteatro morenico e metterebbe a rischio una fetta consistente della produzione del Lugana. Non si conosce nemmeno in che modo la linea uscirà dalla città, e quali comuni dell’hinterland saranno colpiti da nuovi espropri e abbattimenti. L’inizio della cantierizzazione è previsto per il 2016. Si parla inoltre di oltre 4 miliardi di euro spesi solamente per le due tratte che coinvolgono la provincia di Brescia”.

Secondo gli attivisti i soldi sono stati presi dai tagli al trasporto pubblico, come successo per i regionali veloci Milano-Venezia. “Tagli al mondo della formazione, all’edilizia scolastica, alla sanità, al welfare. Soldi che servirebbero a finanziare le politiche sociali, a ristrutturare gli edifici scolastici e pubblici, a rendere più accessibile l’assistenza sanitaria, a migliorare la mobilità locale e a finanziare progetti di bonifica ambientale, come il sito Caffaro e le discariche. Sono le stesse logiche speculative che hanno prodotto la crisi, infatti, a giustificare la realizzazione di quest’opera e a sostenere quest’enorme montatura che copre i soliti intrallazzi tra politica e imprese mafiose. Per questo motivo ci auspichiamo che a Brescia e provincia si avvii una riflessione attorno a quest’opera e nasca una forte opposizione alla sua realizzazione. Invitiamo tutti a partecipare per decidere assieme come costruire una lotta No Tav al passaggio dell’alta velocità a Brescia”.

Tratto da Brescia Point

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: