Rovato 5 stelle

13 gennaio 2014

Fukushima esploderà? Usa e Giappone preparano l’emergenza

fukushima_incidenteGoverni ordinano milioni di dosi di iodio per contrastare disastro nucleare. Se due barre d’uranio si toccano durante il trasferimento si rischia il disastro planetario.

Quattordici milioni di dosi di ioduro di potassio da consegnare entro, e non oltre, il primo febbraio. L’ordinazione è stata fatta alle case farmaceutiche dal ministero della Salute statunitense. Secondo quanto pubblicato dallo “Japan Times”, anche l’omologo ministero nipponico ha fatto una «grossa ordinazione di dosi». Secondo il “San José Mercury News”, «molti produttori già stanno accumulando iodio greggio e lo trattano come una forma di investimento, con la consapevolezza che il fenomeno di Fukushima può benissimo scoppiare nei prossimi mesi».

Lo iodio è l’unica sostanza in grado di limitare l’inquinamento da radiazioni. Va ingerito in caso di contaminazione. E le autorità giapponesi, come quelle statunitensi, sono convinte che la centrale nucleare di Fukushima stia per esplodere.

A breve, per di più. «In questo modo, ora ci si può preparare, nel più assoluto riserbo, per una futura fissione nucleare degli impianti di Fukushima», ha dichiarato l’ambientalista canadese David Suzuki.

Ha riassunto bene la situazione il professor Charles Perrow, dell’università di Yale: «C’è concreto pericolo che le barre di combustibile esausto, che si trovano nella parte superiore della centrale nucleare numero quattro, si spacchino sia per una tempesta o per un terremoto, ma anche in un tentativo fallito di rimuovere con attenzione ciascuna delle 1.535 barre, per metterle al sicuro immagazzinandole nella piscina a cinquanta metri di distanza. Le condizioni della piscina dell’impianto numero quattro, che si trova a cento metri da terra, sono pericolose e, se due qualsiasi delle barre dovessero toccarsi, potrebbero causare reazioni nucleari incontrollabili. La radiazione che possono emettere tutte queste barre, se non mantenute sempre fredde e separate, richiederebbero l’evacuazione delle zone circostanti, compresa Tokyo. Proprio per l’emanazione di questa radiazione, 6.375 barre che sono conservate nella piscina non hanno potuto essere raffreddate in continuazione. Se per questo motivo si realizzasse una fissione nucleare, tutta l’umanità sarebbe minacciata per migliaia di anni».

Suzuki: «Fukushima è stata solo un terremoto devastante per il Giappone ma che con la eventuale ricaduta delle sue radiazioni potrà distruggere anche altre nazioni. Se il quarto impianto dovesse essere soggetto ad un terremoto, e quella zona è molto esposta, dovremmo non solo dire bye bye al Giappone, ma tutti gli abitanti della costa occidentale del Nord America dovrebbero evacuare».

Aggiunge Perrow, in riferimento ai quattordici milioni di dosi di iodio ordinate dal governo Usa: «Va da sé intendere, per le esperienze del passato, che quando ci si trova di fronte a un mega acquisto pubblico, del quale non si vede nessuna vera urgenza e nessun pericolo, ci si sta preparando a qualcosa di eccezionale».

Tratto da popoff.globalist.it

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: