Rovato 5 stelle

31 gennaio 2014

Castegnato: dopo il cromo spuntano altri veleni sotto la A4

A4_milano_veneziaDopo il cromo esavalente è la volta del tricloroetano, sostanza tossica arrivata addirittura nella prima falda. Non c’è pace per l’«autostrada dei veleni» nel tratto bresciano della A4. Da venerdì sul tavolo della direttrice dell’Arpa Brescia ci sono le analisi sull’acqua di falda che scorre a valle della montagna di scorie industriali trovate durante i lavori di realizzazione di un sottopasso alla linea Tav. Ebbene, un piezometro ha trovato concentrazioni del nocivo solvente clorurato quattro volte i valori consentiti: 0,9 microgrammi al litro rispetto ad un limite di 0.2 microgrammi.

I LIVELLI DI INQUINAMENTO – «Non si tratta di un inquinamento allarmante come quello riscontrato per il cromo esavalente (i valori arrivavano a 1400 microgrammi per chilo di terra, ndr )» precisa la direttrice dell’Arpa di Brescia, Maria Luisa Pastore. Ma è comunque sufficiente a fermare i lavori per la realizzazione del sottopasso. «Ora è necessario prevedere un piano di messa in sicurezza prima di iniziare la realizzazione dell’opera. Ci sono pochi dubbi sul fatto che i veleni provengano da quella montagna di scorie industriali utilizzate negli anni Ottanta per realizzare la massicciata della terza corsia della A4, da Brescia a Milano. «Il tricloroetano infatti è stato riscontrato in uno dei quattro piezometri installati a valle del sito inquinato – aggiunge la Pastore – mentre i due piezometri a monte risultano in regola». Il tricloroetano, fuorilegge dal 1996, nella seconda metà del Novecento è stato utilizzato come efficacissimo solvente-sgrassante nell’industria metallurgica e meccanica. E con tutta probabilità si trova nelle scorie d’acciaieria e di galvanica smaltite illecitamente. Da lì negli anni, ha proseguito una lenta ma inesorabile discesa verso la prima falda, che a Castegnato oscilla tra i 30 e 40 metri dal piano campagna.

I RISCHI PER L’AGRICOLTURA – La falda profonda (detta seconda falda) quella che si trova a cento metri di profondità e che alimenta i pozzi dell’acquedotto è pulita. Ma l’inquinamento della prima falda rappresenta comunque un’ altra emergenza ambientale, visto che l’acqua di prima falda è utilizzata per irrigare i campi e quindi può mettere a rischio la filiera alimentare, compromessa anche dalla presenza di attività industriali impattanti e da venti discariche (tra abusive e non) nel raggio di pochi chilometri. Il supero di tricloroetano è stato segnalato alla Procura della repubblica di Brescia. Che probabilmente ora aprirà un fascicolo d’indagine (cosa non fatta fino ad oggi) per capire se anche sotto altri punti dell’autostrada possano nascondersi veleni. Un’ipotesi tutt’altro che remota per la dottoressa Pastore, pronta con la sua equipe ad effettuare altri carotaggi se qualche magistrato dovesse farsi vivo. Nel frattempo nel comune franciacortino si dovrà organizzare in tutta fretta una conferenza dei servizi per capire insieme a Cepav Due (società che realizza la linea ad alta velocità per conto di Italferr) ed ad Itinera (società del gruppo Gavio che ha in appalto i lavori) come procedere. Un problema che si pone anche in altri due siti inquinati trovati lungo il tracciato, a Ospitaletto e Travagliato.
Da Arpa intanto arriva un nuovo inquietante monito: nel piano di monitoraggio della prima falda della provincia (300 punti di prelievo) l’inquinamento da solventi clorurati è stato riscontrato, anche in altre zone. Non solo nel sito Caffaro e nell’inquinata Valtrompia, ma anche in Franciacorta (Passirano e Paderno), sul Garda (Desenzano e Lonato) e nella zona orientale (Montichiari, Castenedolo e Mazzano).

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: