Rovato 5 stelle

23 settembre 2014

Il grande bluff del ‘taglia bollette’: Renzi con una mano toglie e con l’altra prende

berlusconi-renziChe le bollette della luce aumentano invece di diminuire, lo sappiamo tutti. In pochi, però, sanno che il 20% del costo della bolletta non è per l’elettricità che consumiamo, ma per i cosiddetti ‘oneri di sistema’: voci di spesa che servono a finanziare politiche pubbliche di varia natura e che solo nel 2013 si aggiravano intorno ai 13,7 miliardi di euro, come racconta un’inchiesta pubblicata sul Corriere.it

Con il decreto competitività e il cosiddetto ‘taglia bollette’, il governo Renzi prometteva di ridurre del 10% il costo dell’energia per le imprese, andando a tagliare parte di questi oneri. Ma il presunto ‘sconto’ è stato finanziato ‘bastonando’ la produzione di energie pulite, a vantaggio, non serve dirlo, della produzione di energia fossile.

Parte dei soldi che derivano da questa incomprensibile tassazione sulle rinnovabili, paradossalmente andranno a compensare i cittadini di quei territori che ospitano centrali nucleari in dismissione e depositi di scorie. In sostanza il governo toglie risorse all’energia pulita per ‘risarcire’ chi, a causa della dissennata politica energetica del passato, oggi è costretto convivere con centrali nucleari in via di dismissione.

Ma non è tutto: uno studio della CGIA di Mestre ci spiega che solamente il 15% delle piccole e medie imprese – che costituiscono gran parte del tessuto industriale di questo Paese – beneficerà di questa misura, mentre verranno lasciate a bocca asciutta oltre 4 milioni di piccole imprese.

Nel frattempo, il taglio delle bollette della luce assomiglia sempre più a una chimera, o meglio a una bufala, e nei prossimi mesi gli italiani potrebbero ritrovarsi a pagare un conto ancora più salato. Secondo quanto riportato dalla stampa, infatti, dal Ministero dello Sviluppo economico starebbe per arrivare un vero e proprio ‘aiutino’ al Rigassificatore Olt di Livorno, un impianto nato già con scarse possibilità di operare in maniera efficiente e in condizioni di sicurezza, di cui il Movimento 5 Stelle si occupò già lo scorso anno con una interrogazione presentata in Senato.

Per sostenere la sua attività, il governo sarebbe pronto a concedere un sostegno pari a circa 90-110 milioni l’anno per 20 anni (a decrescere) che andràa gonfiare, ça va sans dire, le nostre bollette dell’energia elettrica.

M5S Senato

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: