Rovato 5 stelle

9 marzo 2015

Fukushima: dopo 4 anni il problema è più grande che mai

fukushimaIl notiziario di Bloomberg del 25 febbraio svela le preoccupazioni della Tepco, la corporation elettrica giapponese, che, a quattro anni dalla fusione del nocciolo dei reattori di Fukushima e delle barre di combustibile esauste, sta indagando le cause di un picco di livelli di radiazione registrato a febbraio nell’acqua di drenaggio riversata nell’oceano Pacifico.

Evidentemente, l’acqua piovana viene ancor oggi contaminata dal contatto con sostanze radioattive. La Tepco aveva già scoperto 23.000 becquerel per litro di Cesio 137 nell’acqua piovana accumulata sul tetto dell’edificio del reattore n° 2, quando il limite legale per il rilascio di cesio 137 dovrebbe non superare i 90 becquerel per litro. Una dose mortale, che permane e si diffonde nel tempo, in aggiunta al fatto che una simile esposizione aumenta in modo incalcolabile lo sviluppo di tumori. Evidentemente, le perdite nell’oceano sono ancora in corso, anche dopo l’evacuazione di 160.000 persone nella zona e dopo che il governo giapponese si era prefisso di bonificare 11 delle municipalità più gravemente contaminate della Prefettura di Fukushima entro il marzo 2014, per ridurre la dose annua a 1 milliSievert.

La presenza di acqua radioattiva costituisce una novità a cui l’incidente di Chernobyl non ci aveva esposto: i reattori di Fukushima, al contrario di quello ucraino, sono reattori moderati ad acqua e la fusione del nocciolo, se c’è sversamento in mare dell’acqua di raffreddamento, comporta una diffusione delle radiazioni attraverso la dinamica delle correnti e la propagazione attraverso le catene alimentari che l’oceano ospita. Purtroppo le informazioni che abbiamo seguono lo standard di segretezza e non trasparenza di tutto il sistema nucleare: nulla è sotto controllo e ormai i dati sulla contaminazione e le conseguenze sanitarie sono stati talmente nascosti e manipolati fin dall’inizio, che è veramente difficile fare bilanci e previsioni serie.

(more…)

21 dicembre 2013

Fukushima, record radiazioni: uccidono in 20 minuti

fukushima_incidenteLa situazione in Giappone è inversamente proporzionale al modo in cui i media trattano l’argomento facendolo sparire da qualsiasi notizia.

La TEPCO ha rilevato livelli record di radiazioni su un condotto che collega gli edifici del reattore ad un tubo di ventilazione alto 120 metri situato all’esterno
I livelli delle radiazioni esterne hanno raggiunto il livello più alto presso la centrale nucleare giapponese di Fukushima, avverte la società che opera all’interno del sito. Le radiazioni rilevate nell’area vicina al tubo d’acciaio che collega i diversi edifici del reattore potrebbero uccidere una persona in 20 minuti, ha riferito una testata d’informazione locale.

Gli operatori all’interno dell’impianto e l’ente responsabile per la decontaminazione Tokio Electric Power Company (TEPCO) hanno rilevato lo scorso venerdì livelli record di radiazioni su un condotto che collega gli edifici del reattore ad un tubo di ventilazione alto 120 metri situato all’esterno. La TEPCO ha misurato le radiazioni in otto diversi siti intorno alla tubazione rilevando quelle più elevate in due postazioni con valori rispettivamente di 25 Sievert e 15 Sievert all’ora, secondo le dichiarazioni della società.

Secondo l’emittente locale NHK, questi valori sono i più alti mai registrati fuori dalle sedi dei reattori. La TEPCO in precedenza aveva fatto sapere che nella tubazione erano state rilevate delle radiazioni che raggiungevano come minimo un valore di 10 Sievert all’ora.

Il tubo di ventilazione usato per far fuoriuscire i gas radioattivi dopo il giorno del disastro può ancora contenere sostanze radioattive, ha aggiunto la TEPCO.

Il terremoto del Marzo 2011 ha scatenato uno tsunami che ha colpito le coste del Giappone, danneggiando l’impianto Daiichi di Fukushima e causando la fusione di tre reattori nucleari. A causa dei danni, i reattori hanno bruciato all’interno del basamento di calcestruzzo mentre l’acqua che veniva usata per raffreddarli si è infiltrata nel suolo contaminando le falde acquifere nei pressi dell’impianto nucleare. L’acqua radioattiva che era immagazzinata nel sito è defluita tutta nell’Oceano Pacifico.

(more…)

24 settembre 2013

Fukushima: Emergenza Nucleare Mondiale

Filed under: Ambiente,Energia,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 18:51
Tags:

fukushima_incidenteOra il Giappone trema. Non per uno dei tanti terremoti ma per paura. La situazione a Fukushima, infatti, potrebbe esplodere. Secondo quanto scrive libreidee.org, le autorità hanno finora mentito ai giapponesi e al mondo intero: Fukushima era una struttura a rischio, degradata dall’incuria. Un impianto che andava chiuso molti anni fa, ben prima del disastro nucleare del marzo 2011. Ma soprattutto da allora la centrale non ha smesso di emettere radiazioni letali. E ora Tokyo deve ammetterlo. Nessuno sa esattamente in che stato siano i reattori collassati: si teme addirittura una imminente “liquefazione” del suolo.

L’operazione più pericolosa comincerà a novembre, quando sarà avviata la rimozione di 400 tonnellate di combustibile nucleare. Operazione mai tentata prima su questa scala, avverte la “Reuters”: si tratta di contenere radiazioni equivalenti a 14.000 volte la bomba atomica di Hiroshima. Enormità: bonificare Fukushima – ammesso che ci si riesca – richiederà 11 miliardi di dollari.

Se tutto va bene, ci vorranno 40 anni. Gli scienziati non hanno idea del vero stato dei nuclei dei reattori, riassume il “Washington’s Blog”: le radiazioni potrebbero investire la Corea, la Cina e la costa occidentale del Nord America. E anche gli scienziati lanciano l’allarme. “Se anche solo una delle piscine di stoccaggio dovesse crollare”, avvertono l’esperto nucleare Arnie Gundersen e il medico Helen Caldicott, non resterebbe che “evacuare l’emisfero nord della Terra e spostarsi tutti a sud dell’equatore”. Un allarme di così vasta portata, che disorienta anche gli esperti più prudenti.

Come Akio Matsumura, già consulente Onu, secondo cui la rimozione dei materiali radioattivi dai bacini del combustibile di Fukushima è “una questione di sopravvivenza umana”. Migliaia di lavoratori e una piccola flotta di gru, riferisce il “New York Times”, si preparano a “evitare un disastro ambientale ancora più profondo, che ha già reso la Cina e gli altri paesi vicini sempre più preoccupati”.

Obiettivo, neutralizzare le oltre 1.300 barre di combustibile esaurito dall’edificio del reattore 4. “Le conseguenze – conferma il “Japan Times” – potrebbero essere di gran lunga più gravi di qualsiasi incidente nucleare che il mondo abbia mai visto: se una barra di combustibile cadesse, si rompesse o si impigliasse mentre viene rimossa, i possibili peggiori scenari includono una grande esplosione, una fusione nel bacino o un grande incendio”.

Tratto da informarexresistere.fr

3 settembre 2013

Fukushima: le radiazioni uccidono in 4 ore

fukushima_incidente02 settembre 2013 FUKUSHIMA, Giappone — La situazione delle centrale nucleare di Fukushima è ben peggiore delle previsioni. Secondo quanto rivelato dalla stampa giapponese i livelli di contaminazione dell’impianto continuano a salire paurosamente.

Alti livelli di radioattività sono stati osservati nelle vicinanze di tre serbatoi e di una conduttura di collegamento, con valori letali per l’uomo in 4 ore a contatto diretto, come ingestione e inalazione.

Nel frattempo la società di gestione dell’impianto, la Tepco, ipotizza che ci siano state nuove perdite di acqua radioattiva dopo quella stimata in 300 tonnellate (forse finita nell’oceano Pacifico) lo scorso 19 agosto.

In Italia nessuno ne parla, ma qualcuno ha ancora il coraggio di proporre questa energia come energia del futuro.

Tratto da http://www.bergamosera.com

24 agosto 2013

Esempi di frutta e fiori deformi a Fukushima

Frutta-e-verdura-di-Fukushima-pomodoriSta facendo il giro della rete – ne ha parlato anche Msn l’insieme di immagini assemblato due giorni fa da un sito coreano con mostruosi esempi di frutti, ortaggi, erbe spontanee e fiori (qui sopra un “dente di leone”) cresciuti nei villaggi attorno alla centrale nucleare di Fukushima.

Vale quello che ho detto tempo fa per il giglio gigante e le cicale deformi di Fukushima: l’esposizione alle radiazioni provoca mutazioni.

Però non è possibile affermare che la radioattività di Fukushima sia la causa certa delle pannocchie di mais fuse come gemelli siamesi, dei pomodori cresciuti coi “bubboni”, del cetriolo con le foglie attaccate al frutto, del girasole spuntato dentro la corolla di un altro girasole e di ogni altra singola mostruosità. Potrebbero anche essere conseguenze, ad esempio, dell’inquinamento chimico e la paura nucleare potrebbe aver contribuito a dare risalto a fenomeni che altrimenti sarebbero passati inosservati.

Tuttavia attribuire tutti questi vegetali deformi solo all’inquinamento chimico e-o solo agli occhi resi più attenti dalla catastrofe nucleare, beh: questo mi sembrerebbe un filino azzardato. Un pensiero a chi vive su quelle terre, a chi mangia cibo magari non deforme ma esposto alla contaminazione radioattiva

» Guarda la galleria completa

22 luglio 2013

Fukushima, due anni e tre mesi dopo la più grande catastrofe nucleare

Filed under: Ambiente,Energia,Informazione,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 07:00
Tags: , ,

nonuclearedi Michele Esposito – Fukushima nel luglio 2013.

Due anni e tre mesi dopo la più grande catastrofe nucleare dai tempi di Chernobyl.

Le autorità nipponiche e laTokyo electric power co (la Tepco, che gestisce la centrale) gettano in pasta alla stampa periodiche rassicurazioni sull’area dove l’11 marzo del 2011 avvenne il disastro. Ma propria la frequenza degli inviti alla calma desta preoccupazione: suona quantomeno sospetta.

PERDITE E CONTAMINAZIONI. Specie perché gli allarmi periodici, i tonni radioattivi e gli ortaggi mostruosi dimostrano che un’allerta permanente esiste, e non solo attorno ai reattori 1, 2 e 3, tra i più danneggiati dal sisma e dal successivo tsunami che colpirono il Giappone.

L’ultimo allarme rosso è del 17 luglio, sotto forma di una perdita di vapore rilevata da una telecamera di sorveglianza.

La Tepco ha immediatamente minimizzato l’episodio ma la questione resta: basteranno 40 anni, come assicurato dalle autorità, per un ritorno alla normalità a Fukushima?

(more…)

12 aprile 2011

Fukushima come Chernobyl

Filed under: Ambiente,Energia,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 13:06
Tags: , ,

l’agenzia giapponese per la sicurezza nucleare ha innalzato al livello massimo di 7 la classificazione dell’incidente nucleare alla centrale del nord-est, di fatto ponendolo al livello dell’incidente in Ucraina del 1986, il più grave di tutti i tempi. Un funzionario della Tepco, la società che gestisce l’impianto, ha evocato addirittura la possibilità che i livelli di radioattività siano superiori: “La perdita radioattiva non si è ancora arrestata completamente”, ha spiegato, “e la nostra preoccupazione è che possa anche superare Chernobyl“. Nelle prime ore del mattino è scoppiato un incendio al reattore numero 4 di Fukushima, subito spento… [ Leggete il resto dell’articolo ]

(more…)

25 marzo 2011

Le conseguenze di Fukushima

Filed under: Energia,Informazione,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 08:29
Tags:

La nube radioattiva sprigionata dall’inferno di Fukushima sta sorvolando i cieli d’Europa.

Quali effetti avrà sul nostro ambiente?

E perché il nucleare civile è assolutamente più pericoloso di quello militare?

Il blog cadoinpiedi ha chiesto spiegazioni ad Angelo Baracca, fisico e docente all’università di Firenze.

(more…)

23 marzo 2011

La nube radioattiva di Fukushima

Filed under: Ambiente,Informazione,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 05:58
Tags: , ,

La nube radioattiva di Fukushima arriva in Italia tra oggi e domani, ma non ci dovrebbero essere problemi per la popolazione. Lo sostiene il responsabile del Servizio misure radiometriche del Dipartimento nucleare dell’Ispra, Giancarlo Torri.

In Italia ad intercettare la nube “sono i sistemi della Rete nazionale di sorveglianza della radioattività, una rete che è sempre e comunque attiva su tutte le regioni italiane”, ha spiegato Torri, aggiungendo che fino “a ieri mattina non si rileva nessun segnale di incremento di radioattività né sull’Italia né sull’Europa“. Ad ogni modo, ha continuato Torri, “il valore della nube dipende da quanto materiale radioattivo è uscito, da quanto sta in alto e da quali fenomeni di diluizione è influenzato“.

La dose attesa, comunque, dovrebbe essere tra mille e 10mila volte meno di quella che arrivò dopo Chernobyl.

Informazioni analoghe arrivano anche dall’Agenzia di sicurezza nucleare francese secondo cui ”masse d’aria leggermente contaminate, con livelli inferiori di 1.000 a 10.000 volte rispetto a quelli rilevati in seguito all’incidente di Chernobyl dovrebbero raggiungere mercoledì la Francia metropolitana senza alcuna conseguenza per la salute’‘.

Tratto da BresciaPoint

13 marzo 2011

Nucleare, la lobby italiana senza ritegno

Filed under: Ambiente,Energia,Rovato 5 stelle,Societa — rovato5stelle @ 07:00
Tags: , ,

Ultime notizie da Fukushima. Uno dei quattro edifici della centrale nucleare è esploso. Radiazioni mille volte superiori al normale. Zona sgomberata fino a 10 km. 45.000 persone evacuate. Allarme fusione nucleare.

Nella zona circostante a quella evacuata il governo ha ordinato alle persone di rimanere in casa e chiudere porte e finestre. Chicco Testa, chi è lo sciacallo?

“La sfacciataggine del Forum Nucleare Italiano che nega la notizia (riportata da tutti i media) di fuoriuscita di radiazioni dalla centrale di Fukushima dopo il terremoto: “Terremoto in Giappone: la centrale di Fukushima è sotto controllo“. Chicco Testa, presidente del Forum Nucleare Italiano, definisce “sciacallo” chi racconta della fuoriuscita di radiazioni dalle centrali nucleari.

La falsità e asservimento alle lobbies di certe persone sono sconcertanti…“.

Tratto da Mak89beppegrillo.it

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: