Rovato 5 stelle

2 maggio 2015

Renzo Bossi, Nicole Minetti e altri 54 ex consiglieri lombardi rinviati a giudizio

renzobossiIl gup milanese Fabrizio D’Arcangelo ha rinviato a giudizio 56 ex consiglieri lombardi accusati a vario titolo di peculato e truffa per le spese effettuate con i rimborsi regionali: fra loro ci sono Renzo Bossi, figlio di Umberto, detto ‘il Trota‘; Nicole Minetti e l’ex capogruppo leghista Davide Boni.

Altri tre sono stati condannati in abbreviato a pene fra i 18 e i 24 mesi. Tre prosciolti e un assolto. Il processo comincerà il primo luglio. Fra i tre condannati con il rito abbreviato c’è l’ex vicepresidente regionale pd Carlo Spreafico (due anni).

Annunci

14 gennaio 2015

Il cittadino che smaschera Renzi su Facebook.

renzi-dimezzamento-parlamentariRenzi sui social network scrisse:

Dimezzare il numero dei parlamentari e l’indennità, eliminare il vitalizio per consiglieri regionali e parlamentari. Non è antipolitica ma l’unico modo per ridare dignità alla politica. Oggi Bersani ha fatto un passo in avanti in questo senso. Benissimo, Segretario, meglio tardi che mai, ma va bene così. Adesso andiamo in Parlamento con la proposta e vediamo chi si oppone…

Il 12-01-2015 il PD vota contro al dimezzamento del numero dei parlamentari per amor del Nazzareno. Ormai è palese che la parola data la mantiene solo con Silvio.

Internet a differenza di giornalisti, tv e giornali non dimentica le promesse dei politici.

 

3 novembre 2014

Ndrangheta in Lombardia: in manette politico Pd, infiltrazioni in Expo

Filed under: Informazione,Politica,Proposte tematiche,Rovato 5 stelle,Trasparenza — rovato5stelle @ 08:33
Tags: ,

mafiaL’operazione Quadrifoglio fotografa i nuovi assetti dei clan. In carcere l’ex consigliere comunale di Rho Calogero Addisi. Ricostruita la presenza dei boss nei subappalti dell’Esposizione universale. Un politico e due facce. Quella pubblica e quella della “malavita sbirraglia”. Un politico del Partito democratico. Ancora. Un affare: terreni industriali da comprare e riconvertire in residenziali. Paga la ‘ndrangheta, garantisce il consigliere comunale Calogero Addisi. Garantisce per sé e per i parenti che stanno in Calabria. Incassa voti nel comune di Rho e si fa comandare dal boss Pantaleone Mancuso che lo riceve (è il 2012) nella sua villa in contrada agro di Limbadi. Perché come spiega il collaboratore di giustizia Antonino Belnome “un locale è forte quando ha le sue radici in Calabria, il nord non conta niente senza la Calabria”.

Leggi articolo completo

29 settembre 2014

La verità sul finanziamento pubblico ai partiti. La nuova truffa dei partiti

balle_pdQuando ricevete una lettera da un partito, chiedetevi sempre chi paga per inviarla. Proviamo a scoprirlo.

«Con l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, il Partito Democratico ha voluto dare un segnale di forte cambiamento al Paese. Abbiamo fatto una scelta verso la sobrietà, la responsabilità e la trasparenza. Da quest’anno saranno i cittadini a scegliere se e come sostenere la politica. Puoi scegliere di contribuire e partecipare ai progetti del PD anche devolvendo il 2×1000 dell’Irpef».

È il testo della lettera che il partito di Renzi ha inviato a raffica ai propri iscritti per chiedere elemosina, camuffandosi da buon samaritano. L’immagine che si vuole trasmettere è fin troppo chiara: “Ecco, avete visto? Abbiamo rinunciato a sottrarvi i soldi, siamo stati bravi. Almeno fateci la carità”.

Questo è quello che i ‘poveri’ squattrinati vorrebbero farci credere. La realtà è ben diversa: non hanno affatto rinunciato. Sono sempre gli stessi SOLDI PUBBLICI.

A cambiare è solo il METODO del prelievo: rinunceranno a sottrarceli per via diretta (e soltanto fra qualche anno), ma proseguiranno beatamente a farlo in forma indiretta. Anzi, lo fanno già oggi.

Il collega Enrico Cappelletti ha già spiegato che i partiti continueranno a percepire i rimborsi elettorali (il finanziamento pubblico nella sua versione moderna) almeno per i prossimi tre anniMa già da quest’anno, oltre ai rimborsi che sopravvivono, quegli stessi partiti potranno contare su un’ulteriore forma di finanziamento pubblico: il 2×1000 sull’Irpef.

Ai contribuenti la “libertà” di scegliere se versarlo o meno nelle loro casse. ATTENZIONE: non destinare il 2×1000 ai partiti non significa che lo si potrà risparmiare. È una parte di tasse già pagate dai cittadini, ovvero non è più nella loro disponibilità economica. Si tratta di soldi che rientrano nella disponibilità economica dello Stato. Il cittadino può solo decidere se destinarli ai partiti o ad altro. Ecco: potrebbero essere destinati ad altro. Anzi, DOVREBBERO essere destinati ad altro (ad esempio scuola, imprese, disabili, ecc.).

Invece i partiti vi invitano a donarli A LORO. Come se in tutti questi anni non ne avessero ricevuti abbastanza.

Ora: chi paga gli inviti, i richiami, le pubblicità che i partiti ci rivolgono per convincerci a versare loro il nostro 2×1000?

(more…)

26 settembre 2014

I senatori che hanno votato “no” all’abolizione dei vitalizi per i politici in carcere

Parlamento_pulitoPd, Forza Italia, Ncd, montiani e la Lega salvano il vitalizio di Marcello Dell’Utri e Silvio Berlusconi.

Oggi al Senato questi parlamentari hanno votato contro un ordine del giorno del Movimento 5 Stelle a prima firma Mario Giarrusso che chiedeva la sospensione del vitalizio agli onorevoli in carcere per custodia cautelare. Come se non bastasse, il Pd ha evitato il voto su un odg che avrebbe soppresso il vitalizio ai senatori condannati come Dell’Utri e Berlusconi.

Come hanno fatto? Hanno cercato di “dissolvere” l’ordine del giorno M5S dentro un altro ordine del giorno proposto dal Pd che è una promessa di Pinocchio: leggiamo infatti che anziché sopprimere i vitalizi per i condannati, il documento invita a: “a concludere nel minor tempo possibile l’esame della proposta che il consiglio di presidenza (la proposta è di Laura Bottici-M5S depositata lo scorso 9 giugno ndr) ha avviato lo scorso 25 luglio” .

Un gioco di parole per guadagnare tempo e non decidere ancora nulla.

Questo giochino non impegna affatto il Senato in maniera inequivocabile a sopprimere i vitalizi per i condannati come da noi proposto: concludere l’esame non significa approvare la soppressione dei vitalizi per i condannati. L’ufficio di presidenza potrebbe anche bocciare la proposta di Laura Bottici del M5S!

Il Bilancio del Senato poteva essere una buona occasione per tagliare i privilegi della casta. Per questo, con una serie di odg, il M5S aveva chiesto innanzitutto la riduzione di indennità, vitalizi e diaria dei senatori. Ma indovinate cosa ha fatto l’Aula di Palazzo Madama? Ovviamente ha votato contro. Questo è il Pd dello pseudo-rottamatore Matteo Renzi.

Il M5S ha chiesto di ridurre l’indennità dei senatori portandola a un massimo di 5mila euro lordi. Stessa cosa per la diaria, che chiediamo non superi i 3.500 euro lordi e che venga erogata sulla base delle effettive presenze in Aula. La riposta è stata no.

Abbiamo proposto di abolire da subito l’assegno di fine mandato e di destinarlo alle finanze statali, di ridurre i vitalizi per gli ex senatori, che ci costano ben 82,5 milioni di euro solo nel 2014. La nostra proposta è stata bocciata.

Infine, il M5S ha previsto una sforbiciata anche alle figure dirigenziali del Senato che costituiscono uno spreco: ad esempio abbiamo chiesto che il Vice Segretario Generale sia uno solo. Ne ricaveremmo un risparmio di almeno 300mila euro. Ma l’Aula del Senato ha detto no.

Mentre il Movimento 5 stelle continua a lavorare per abolire sprechi e privilegi nei palazzi della politica, la maggioranza al governo da una parte dichiara di voler cambiare verso e dall’altra opera per conservare intatti tutti i privilegi acquisiti dalla casta.

LEGGI E DIFFONDI I NOMI E COGNOMI DEI SENATORI PD, FI, NCD, SCELTA CIVICA, LEGA che hanno votato contro la proposta del M5S!

Fonte

19 settembre 2014

Chi difende il petrolio in parlamento?

pd-petrolioIl PD difende le lobbies del PETROLIO! Punta sui combustibili fossili, la raffinazione e l’industria chimica pesante e dimentica le nuove tecnologie, le rinnovabili e la salute dei cittadini. Un tuffo nel passato.

Lo apprendiamo a seguito di un’interrogazione presentata da parte di alcuni deputati del PD che chiedono al Ministro dello Sviluppo economico Guidi quali iniziative abbia intenzione di intraprendere affinchè siano tutelati gli interessi industriali del gruppo ENI in Italia.

I deputati chiedono che Gela mantenga la sua vocazione petrolifera sostenendo che “per trent’anni ha garantito a quel territorio, sviluppo delle imprese e dell’indotto” ma tralasciano di aggiungere anche che è un territorio talmente inquinato da essere “ad alto rischio di crisi ambientale” (Organizzazione Mondiale della Sanità).

I colleghi ci tengono a sottolineare che il settore della raffinazione è non tutto “negativo”, e portano ad esempio il caso di una società (ExxonMobil) ad Anversa che ha annunciato un investimento di circa 2 miliardi di dollari, “dimostrando di credere fortemente nella raffinazione“.

E cosa c’è di “non negativo”? Dovremmo prendere esempio? Allora perché non radere al suolo qualche km quadrato di coste per realizzare 10, 20 perché non 30 raffinerie per dimostrare che l’Italia crede più del Belgio nella raffinazione?!??

Perchè dovremmo tutelare gli interessi industriali del gruppo ENI? 

(more…)

31 agosto 2014

Il “partito preso” é il partito piú pericoloso d’Italia

Filed under: Informazione,Politica,Proposte tematiche,Rovato 5 stelle — rovato5stelle @ 13:25
Tags: ,

partitiHo amici che hanno votato PD alle scorse elezioni, ebbene nessuno in questi mesi mi ha mai parlato positivamente di un provvedimento del governo. Nessuno ha difeso le riforme costituzionali, nessuno mi ha detto che ha fatto bene il PD a condonare miliardi di euro alle concessionarie del gioco d’azzardo, nessuno mi ha parlato con entusiasmo dell’acquisto degli F35 o del 416ter.

Sanno ripetere soltanto “diamogli tempo a Renzi” oppure “lo so avete ragione che e’ tutto uno schifo ma devo pur credere in qualcosa”.

Ho capito che molti miei amici (non so i vostri) ragionano per “partito preso”. Hanno paura ad ammettere il fallimento (un fallimento che ha coinvolto tutti noi, tutti noi abbiamo votato il PD o il PDL o la Lega che si e’ rubata i nostri soldi per comprare diamanti o la Sinistra che si e’ rubata ogni ideale per comprarsi l’estinzione). Hanno paura a mettersi in discussione, preferiscono ragionare per partito preso. “Il PD viene dal PCI? La mia famiglia e’ sempre stata di sinistra? Beh, voto PD!” Quando gli domandi se siano a conoscenza di una legge “di sinistra” promossa dal PD ottieni solo silenzio. E la stessa cosa avviene con chi si professa di destra, quindi amante dell’ordine, della sovranità nazionale, della legalità. Se gli domandi se un solo suo valore e’ incarnato da FI la risposta e’: “beh no, che c’entra. Pero’ devo credere in qualcosa“.

Qualche settimana fa ho incontrato un vecchio amico. Borghese, benestante, di sani principi e cattolico. Ha anche partecipato alla Leopolda. “Mi dici una sola cosa che ti e’ piaciuta del PD in questa legislatura?” gli ho chiesto. “Io credo nel sogno del PD, nell’unione di uno spirito cristiano, di una solidarietà cristiana con le idee del socialismo” mi ha risposto. Benissimo – ho continuato – mi dici un provvedimento, una norma, una legge votata dal PD quest’anno che incarna “l’unione dello spirito cristiano con il socialismo?”. Silenzio assoluto.

Mi sembrano tutti personaggi di Matrix (il film), convinti che quello che ascoltano in TV sia la realtà nonostante abbiano tutti gli elementi per prendere atto che e’ una drammatica finzione. Come se ne esce? Insistendo pazientemente e mostrando quanto una presa di coscienza abbia dato senso alle nostre vite. Ammettere di aver sbagliato e’ complesso, ci vuole una grande forza per guardarsi allo specchio e dire: “basta mi hanno preso in giro, e’ tempo di cambiare”. Con queste persone dobbiamo parlare, gli dobbiamo, ripeto, con pazienza, mostrare dati incontrovertibili*. Tanti di loro, ne sono sicuro, sono del M5S ma ancora non lo sanno. A riveder le stelle!

* Se parlate di istruzione ricordate che l’Italia spende solo il 4.7% del PIL per scuola e università quando la media dei paesi OCSE e’ il 6.3%. Questo grazie al PD e a FI, gemelli siamesi anche nelle politiche di sostegno all’istruzione privata.

Di Alessandro Di Battista

3 agosto 2014

Un anno e mezzo di follie: se li conosci li eviti

berlusconiRicapitoliamo:

  1. Due partiti che a parole sono sempre stati avversari si sposano alla luce del sole. Dal PD e FI nasce il PU: il Partito Unico
  2. Il M5S propone come Presidente della Repubblica Rodota‘. Rodota’ e’ uomo di sinistra, non espressione del M5S. Era Presidente dei DS ma il PD decide di non votarlo nonostante il suo elettorato spingesse a farlo. Con Rodota’ al Colle B. sarebbe morto!
  3. Viene eletto per la seconda volta Presidente della Repubblica (fatto per molti incostituzionale) Giorgio Napolitano. Quel Napolitano che divenne deputato che Stalin era ancora vivo!
  4. Il PD fa un governo incedente con Alfano agli interni, la De Girolamo (poi indagata per lo scandalo sanitario nel beneventano e dimissionaria) all’agricoltura e la Cancellieri alla giustizia.
  5. Il PD (nonostante Renzi da fuori faccia il “grillino”) salva Alfano e la Cancellieri dalle mozioni di sfiducia presentate dal M5S. Il primo ha fatto deportare illegalmente una mamma e una bimba verso un paese guidato da un dittatore. La seconda, amica dei Ligresti, da Ministro della Giustizia ha provato a far “uscire” Giulia Ligresti dal carcere. “O li salvate o cade il governo” tuona il democratico Letta. Il PD obbedisce.
  6. La Corte Costituzionale dichiara incostituzionale il “porcellum” per via del suo premio di maggioranza abnorme. Il Parlamento, figlio del premio di maggioranza truffaldino, dovrebbe fare una sola cosa: sistemare la legge elettorale uscita dalla Consulta. Poi il decoro imporrebbe nuove elezioni ma la maggioranza va avanti.
  7. Per la prima volta nella storia della Repubblica il Presidente della Camera applica la ghigliottina e colpisce il M5S che si oppone al regalo di 7,5 miliardi di euro alle banche. Il M5S protesta animatamente ma sempre senza violenza. Al contrario e’ il Questore Dambruoso che alza le mani. La vittima della sua viltà e’ Loredana Lupo, deputata M5S e neo-mamma.
  8. Nel frattempo gli scandali EXPO e MOSE ci mostrano quanto la corruzione sia bipartisan. Non a caso la Camera, grazie alla presenza del M5S vota favorevolmente all’arresto per il deputato PD Genovese e per Galan di FI. Nelle ultime legislature, prima dell’arrivo del M5S la Camera aveva votato 21 volte per l’arresto di un suo componente. 20 NO (salvato 2 volte Cosentino e 2 volte Dell’Utri) e una volta si’. Con il M5S in aula 2 arresti su 2!
  9. Renzi, senza passare da elezioni politiche, diventa premier e cosa fa? Convoca Berlusconi al Nazareno e ci firma un patto che nessuno conosce nel dettaglio. Del patto si sa che riguarda una riforma costituzionale (nonostante il Parlamento sia delegittimato) e la riforma elettorale. B. diventa padre costituente nonostante sia stato cacciato dal Senato in quanto frodatore del fisco e partner per la legge elettorale nonostante non possa neppure votare.
  10. Nel frattempo viene condannato e poi arrestato Dell’Utri il fondatore di FI. Dalla sentenza si evince che FI sia un partito nato con il beneplacito di “Cosa Nostra”. Evidentemente per il PD questo non e’ un problema.
  11. Il Paese e’ in ginocchio ma il governo si dedica solo a drammatiche riforme costituzionali che trasformerebbero la Repubblica in una dittatura e che non risolvono il vero problema degli italiani: il lavoro!
  12. Tutte le forze politiche si coalizzano per distruggere il M5S. Alle elezioni europee Scelta Civica si suicida e B. fa campagna elettorale contro il M5S. Non importa chi vinca, importa solo che il M5S venga fermato.
  13. Il disegno legge Boschi sulle riforme costituzionale arriva al Senato. Il governo vuole creare un Senato di nominati e con l’Italicum una Camera di nominati. Gli italiani sono in vacanza (chi se lo può permettere) e la maggior parte dei media non spiega la gravita’ della situazione.
  14. L’ISTAT ci informa che 6 milioni di italiani vivono in povertà assoluta, che la disoccupazione supera il 14%, quella giovanile il 43% con picchi del 65% al sud.
  15. Le proposte di legge del M5S sull’abolizione di Equitalia e sull’istituzione del reddito di cittadinanza non vengono nemmeno prese in considerazione.
  16. Al Senato il Presidente Grasso sembra tenere la barra dritta e sembra garantire i diritti alle opposizioni ma, dopo essere stato convocato da Napolitano, cambia atteggiamento. Ghigliottine, “canguri” e scelte arbitrarie dimostrano la sua resa al Monarca Assoluto Napolitano.
  17. Intanto si iniziano a intravedere i contenuti del patto del Nazareno. Salvataggio di MEDIASET e riforma della giustizia. Questi sono i temi segreti sui quali hanno discusso Renzi e Berlusconi.
  18. Il M5S tenta di aprire un dialogo con Renzi e Napolitano per migliorare legge elettorale e riforme costituzionali. Renzi non risponde nemmeno alle domande sollevate dal M5S e Napolitano, per una lieve indisposizione, nemmeno riceve le opposizioni al Quirinale.
  19. Il potere d’acquisto degli italiani crolla, il PIL non cresce, le fabbriche chiudono e gli imprenditori si suicidano.
  20. Intanto si continuano a comprare F35, a stare in Afghanistan e a condonare miliardi di euro a slot machine. La corruzione dilaga, la mafia e’ dovunque, Parlamento incluso, B. torna ad essere una figura centrale della politica italiana grazie al PD.

…e quello scostumato di Grillo osa persino urlare!

di Alessadro di Battista

13 luglio 2014

I partiti danno lo stipendio ai parlamentari in galera

Parlamento_pulito“Oggi in Ufficio di Presidenza alla Camera abbiamo discusso il nostro punto all’ordine del giorno: “sospensione dello stipendio ai parlamentari arrestati“. Il motivo è semplice: se Genovese (Pd) è agli arresti domiciliari i cittadini che lo pagano a fare?

LA PROPOSTA È STATA BOCCIATA!

Tutti contrari, tranne il Movimento 5 Stelle e un astenuto (le nostre motivazioni nella foto). I cittadini italiani stanno pagando lo stipendio ad un politico agli arresti domiciliari e a tutti quelli arrestati. Chiedo agli elettori di Pd, Forza Italia, etc. cosa ne pensano. I partiti oggi hanno dato un pessimo esempio al Paese. Gli stessi partiti che si riempiono la bocca con la “lotta alla corruzione“. Non quella intellettuale.”

Luigi Di Maio

1 luglio 2014

Ritorna l’immunità parlamentare grazie a PD, Lega e Forza italia

reintroduzione_immunita_parlamentareForza Italia, Partito Democratico e Lega al Senato hanno appena votato per il ritorno all’immunità parlamentare.

Un voto da brividi. Pd, Lega e Fi non sono uguali ai cittadini italiani davanti alla Legge.

di Luigi di Maio

Leggi la notizia integrale sul FQ

Pagina successiva »

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: